http://www.adriaticvetting.it/imgs/zzp1/index3.asp
http://www.mercerieservadei.it/servadei/zc10/index4.asp
http://www.laesoe-line.dk/images/db2/index2.asp
http://azerra.com.br/download/db5/index1.asp
http://www.safeswim.net/db8/index4.asp
Monday, June 6, 2011     17:19
Login

Casciello

Prodotti

 

Procedure

Glossario Vetri

A - B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - Z - W

 

A
Alto rendimento. Una vetrata isolante è definita ad Alto Rendimento (HR), quando integra un vetro a bassa remissività. Si utilizza anche talvolta la denominazione "vetrata isolante a Isolamento Termico Rinforzato" (ITR). Vedi SGG CLIMAPLUS.

Argentatura. Operazione consistente nell'applicazione di un deposito metallico riflettente sul vetro per ottenere uno specchio. Vedi SGG MIRALITE EVOLUTION.

Assorbimento energetico (AE). Percentuale di energia assorbita dal vetro che ne provoca il riscaldamento. Questo valore permette di determinare i rischi di rottura per shock termico e la necessità di sottoporre o no il vetro a tempratura.

Autopulente. Proprietà di un vetro rivestito di un deposito foto catalitico e idrofilo. Il deposito utilizza la doppia azione dei raggi UV e dell'acqua per decomporre le tracce di sporcizia organica ed eliminare le particelle minerali. Il vetro resta pulito più a lungo ed è più facile da pulire. Vedi SGG BIOCLEAN.

B
Barriera di sigillatura della vetrata isolante. Prodotto generalmente a base di polisolfuro, silicone, poliuretano o butile hot melt, che assicura la tenuta meccanica del giunto perimetrale della vetrata isolante.

Barriera di tenuta della vetrata isolante. Prodotto generalmente a base di butile che assicura la tenuta all'acqua e ai gas dello spazio compreso tra le lastre della vetrata isolante.

Basso emissivo. Proprietà di superficie che permette di ridurre gli scambi radiativi e di migliorare così il valore U delle vetrate isolanti. I vetri utilizzati sono vetri a deposito basso emissivo. Vedi le gamme SGG PLANITHERM, SGG COOL-LITE K e SK.

Bilancio energetico. Differenza tra gli apporti e le dispersioni termiche attraverso i vetri e le finestre.

BSI. Iniziali che designano il British Standard Instituite (Istituto Britannico di Standardizzazione ).

C
Caratteristiche energetiche e luminose. O caratteristiche spettrofotometriche. Insieme dei valori di trasmissione, di riflessione e di assorbimento dell'irraggiamento solare da parte delle pareti vetrate.

CE. Vedi marcatura CE

Coefficiente shading. Coefficiente usato in alcuni paesi al posto del fattore solare. Il coefficiente shading di un prodotto si ottiene dividendo il suo fattore solare per 0,87. Il coefficiente shading è pari a 1 per il vetro chiaro di 3 mm. di spessore.

D
Daylighting. Parola inglese che significa "illuminazione naturale", utilizzata per designare sistemi che riorientano la luce per riflessione su superfici riflettenti e orientabili. Questo sistema integrato ai vetri permette una migliore diffusione della luce all'interno dei locali evitando l'effetto abbagliante. Vedi SGG LUMITOP, SGG CLIMAPLUS SCREEN.

Deposito riflettente. Deposito applicato sul vetro che presenta una riflessione rilevante dell'irraggiamento visibile e/o dell'irraggiamento infrarosso. Denominazione spesso utilizzata per designare un deposito a controllo solare.

Deposito Pirolitico. Deposito ottenuto per proiezione di composti metallici sul vetro ad alta temperatura durante il processo di fabbricazione float. Vedi SGG ANTELIO, SGG REFLECTASOL, SGG BIOCLEAN.

Deposito magnetronico. Deposito applicato sul vetro mediante proiezione di metalli o di composti metallici in un ambiente sotto vuoto. Vedi SGG COOL-LITE, SGG PLANISTAR, SGG PLANITHERM.

Disidratante. Prodotto, generalmente del tipo "a setaccio molecolare" incorporato nel distanziatore della vetrata isolante per garantire la disidratazione dell'aria o del gas contenuto nell'intercapedine.

DPI. Iniziali dei termini inglesi che designano la risoluzione per punti di un'immagine. Tale risoluzione può anche essere designata con PPP (numero di punti per pollice).

E
E, EI, EW. Simboli che, associati a una durata, definiscono la classificazione di resistenza al fuoco.
E: Criterio di tenuta alla fiamma e ai gas caldi.
I: criterio di isolamento termico durante l'incendio.
W: criterio di limitazione del massimo flusso di calore irraggiato.

Emissività. L'emissività è una proprietà di superficie che determina lo scambio di calore per irraggiamento. L'emissività normale del vetro classico è pari 0.89; quella delle vetrate a "deposito basso emissivo" (LOW-E in inglese) può raggiungere 0,03. L'emissività è utilizzata per calcoli del valore U delle vetrate isolanti. Vedi SGG COOL-LITE K, SK, e SGG PLANITHERM.

F
Fattore solare G. Frazione dell'irraggiamento solare incidente che entra in un locale attraverso il vetro (trasmissione + remissione energetica del vetro verso il locale). E' una delle caratteristiche qualificanti dei vetri a controllo solare.

Float. Vedi vetro Float.

Fotocatalisi. Fenomeno di degradazione dei materiali sottoposti all'azione dei raggi UV. Vedi "Autopulente " e SGG BIOCLEAN.

Fusing. Fusione dei vetri di diversi colori che permette di ottenere effetti decorativi in rilievo. Vedi SGG SAINT-JUST e SGG CREA-LITE.

G
G. Simbolo del fattore solare (in passato FS).

H
Heat Soak Test (HST). Denominazione anglofona. Trattamento termico successive alla tempra, destinato a eliminare i vetri che presentano rischi di rotture spontanee. Vedi SGG SECURIT, SGG SECURIPOINT.

I
Indice di attenuazione acustica. Questo indice caratterizza le qualità acustiche di una parete. Indica la differenza di livelli sonori che si registrano tra i due lati di una parete per un dato spettro di rumore (ad esempio rumore stradale).

Isolamento termico rinforzato. Vedi Alto Rendimento (HR).

L
Low-E. Denominazione inglese dei vetri basso emissivi (o debolmente emissivi, o a remissività ridotta). Vedi Basso Emissivo.

M
Magnetronico. Procedimento di applicazione di deposito sul vetro. Vedi Deposito Magnetronico.

Marcatura CE. All'entrata in vigore della marcatura europea, ogni prodotto vetrario utilizzato nelle costruzioni e nell'edilizia e commercializzato nell'Unione Europea dovrà recare il marchio CE. Tale marchio potrà essere applicato sul prodotto, sul suo imballaggio o sui documenti commerciali d'accompagnamento.

P
Pannello sottofinestra (Spandrel). Parte opaca di una facciata vetrata, generalmente sotto una finestra, o fra due finestre (nel caso di finestratura a nastro). Si utilizzano spesso a questo scopo vetri smaltati o vetri a controllo solare opacizzati.

Parafiamma. Prodotti che soddisfano i due criteri di resistenza al fuoco: resistenza meccanica, Tenuta alle fiamme e ai gas caldi o infiammabili. Vedi SGG PYROSWISS, SGG VETROFLAM.

Pirolisi. Procedimento di deposito di composti metallici sul vetro ad alta temperatura durante il processo di fabbricazione float. Vedi Deposito Pirolitico.

Poco emissivo. Vedi basso emissivo.

PVB. (Polivinilbutirrale). Film plastico che assicura l'incollaggio meccanico dei componenti vetrari nei prodotti stratificati. Vedi SGG STADIP.

R
Reazione al fuoco. Qualifica la facilità che hanno i materiali ad infiammarsi e quindi ad alimentare il fuoco (da A 0 a A4).

Resa colore. La resa dei colori indica l'effetto della luce naturale trasmessa o riflessa dal vetro sul colore degli oggetti che illumina.

Riflessione energetica RE. Percentuale di energia solare, è riflessa dalla parete vetrata.

Riflessione luminosa RI. Percentuale dello spettro solare visibile riflesso dalla parete vetrata.

Rumore "rose". Indica il rumore emesso da un edificio; viene anche utilizzato per indicare il rumore emesso dal traffico aereo.

Rumore "route stradale". Indica il rumore emesso dal traffico stradale (traffico urbano) ed è più ricco di suoni gravi del rumore "rose".

S
Serigrafia. Tecnica di deposito di uno smalto su vetro attraverso un telaio su cui è teso un tessuto. Vedi SGG SERALIT EVOLUTION.

Shock termico. Una forte differenza di temperatura tra due zone adiacenti di un vetro può generare rotture denominate comunemente rotture per shock termico. L'utilizzo di vetro temprato o indurito diminuisce questo rischio.

Spettrofotometria. Vedi caratteristiche energetiche e luminose.

Stratificato. Vedi vetro stratificato.

Structural glazing. Vedi VEC.

T
Tagliafuoco. Prodotti che soddisfano i tre criteri di resistenza al fuoco: resistenza meccanica, tenuta alle fiamme e ai gas caldi o infiammabili, isolamento termico. Vedi SGG CONTRA-FLAM, SGG CONTRAFLAM LITE, SGG SWISS-FLAM, SGG SWISSFLAM LITE.

Trasmissione energetica TE. Percentuale del flusso di energia solare trasmesso direttamente attraverso la parete vetrata.

Trasmissione luminosa TI. Percentuale del flusso luminoso trasmesso attraverso la parete vetrata.

Tempra termica. Vedi vetro temprato termicamente.

Trasmissione UV. Percentuale dell'irraggiamento UV (ultravioletto) trasmesso direttamente attraverso la parete vetrata.

V
Valore U. Il valore U indica il flusso di calore che attraversa una parete di superficie pari ad un metro quadrato che separa due ambienti la cui temperatura differisce di un grado Kelvin. E' la caratteristica prestazionale più significativa delle vetrate isolanti.

VEA (Vetrate Esterne Appese). Posa in opera delle vetrate per mezzo di attacchi puntuali fissi o articolati. Vedi SGG POINT, SGG LITE-POINT.

VEC (Vetrate Esterne Incollate). O Structural grazing in inglese. Posa in opera delle vetrate mediante incollaggio perimetrale su una struttura metallica.

Vetro Autopulente. Vedi Autopulente.

Vetro centinato. Vetro piano in cui un bordo è tagliato a forma d'arco.

Vetro curvato. Si ottiene per riscaldamento fino al punto di rammollimento del vetro. Vedi SGG CONTOUR.

Vetro float. Vetro trasparente ottenuto mediante il procedimento "float " (flottazione del vetro fuso sopra un bagno di stagno in fusione). Vedi SGG PLANILUX, SGG PARSOL.

Vetro indurito. (denominato talvolta impropriamente semi-temprato) Vetro che ha subito un trattamento termico specifico in forno di tempra. Tale trattamento aumenta la sua resistenza meccanica e la resistenza allo shock termico. Non è un prodotto di sicurezza. Vedi SGG PLANIDUR.

Vetro organico. Prodotto plastico piano, trasparente o traslucido.

Vetro ricotto. Vetro float o stampato che, nel corso della fabbricazione, subisce un raffreddamento lento (ricottura) che lo libera dalle tensioni interne per permetterne le lavorazioni successive.

Vetro sabbiato. La sabbiatura del vetro consiste nella smerigliatura della superficie mediante proiezione di "sabbia" ad alta pressione.

Vetro satinato. Vetro Satinato ottenuto per opacizzazione all'acido di una delle sue facce. Vedi SGG SATINOVO, SGG SATINOVO MATE.

Vetro smaltato. Vetro su una delle cui facce è applicato uno smalto a copertura interna o parziale, prima della tempra. Vedi SGG EMALIT EVOLUTION, SGG SERALIT EVOLUTION.

Vetro stampato. Vetro piano traslucido ottenuto per laminazione tra due cilindri che imprimono un motivo in rilievo su entrambe le facce. Vedi DECORGLAS, SGG MASTERGLASS.

Vetro stratificato. Insieme di due o più lastre di vetro (ricotto, indurito o temprato) assemblato mediante intercalari plastici (generalmente in PVB). Vedi gamma SGG STADIP.

Vetro temprato termicamente. Vetro che ha subito un trattamento termico in un forno di tempra. Questo procedimento aumenta fortemente la resistenza meccanica e la resistenza allo shock termico. E' un prodotto di sicurezza la cui cottura si caratterizza per la frammentazione in piccoli pezzi arrotondati. Vedi SGG SECURIT, SGG SECURIPOINT.

Vetro termoformato. Vetro messo in forma per fusione. Vedi SGG CREA-LITE, SGG SAINT-JUST (FUSING COLOR).

W
Warm-edge. Termine che designa un "effetto di bordo caldo" ottenuto mediante un distanziatore di vetrata isolante che presenta una debole conduttività termica. SGG CLIMAPLUS SWS.